thumb__DSC0075_1024

Calamu – mosto di uve mutizzato (50 cl)

 10,00

 Una pregevole produzione parte di un movimento di riscatto sociale ed economico che ritorna con il tratto antico di una tradizione contadina che ha ancora tanto di buono da tramandare.

Prima della trasmigrazione dei vitigni da una parte all’altra della Sicilia, ogni territorio aveva le sue uve “di origine”, compatibili con le caratteristiche climatiche e pedologiche della zona. Era diffusa la tradizione, che ancora oggi si rinnova, del biscotto secco inzuppato in un vino dolce e liquoroso che con la sua brillantezza sottolineava la solennità di una riunione familiare, propiziava una buona produzione di vino, dava sollievo nelle fredde serate d’inverno.

Un tempo, solo i ricchi potevano permettersi un vino liquoroso derivato da uve pregiate e vocate per quel tipo di trasformazione in muscatu, passitu e altri vini prestigiosi; allora i contadini per potere, comunque, inzuppare i loro biscotti impararono a prodursi un vino liquoroso “povero”, derivato dalle uve locali. Dai diversi tipi di uve che venivano miscelate con un alcol distillato derivato dalle vinacce, prendeva corpo un vino “brioso”, di gradazione significativa, dolce e amabile e pronto ad essere bevuto già dal giorno dei morti. Per aromatizzare il prodotto con fragranze diverse si potevano aggiungere piccole quantità di bucce di mandarino, di vaniglia, di cannella o di chicchi di caffè. Non è escluso l’utilizzo di altri prodotti per dare aromi diversi, secondo gusti e usanze locali, ma senza pregiudicarne corpo e limpidezza. Questo vino si chiamava Càlamo nelle campagne di Misilmeri e di altri paesi nel Comprensorio del fiume Eleuterio, verso l’interno dell’Isola. Tuttavia, si hanno notizie da tradizioni orali di altre denominazioni come Mutu, Surdu e Fermu, dizioni riconducibili alla natura del prodotto tecnicamente definito mosto muto.

Il Marchio Mani&Radici – attento alle antiche usanze popolari e all’affermazione della cultura dell’antimafia sociale – ha recuperato il gusto perduto del Càlamo, un nettare degli Dei in versione popolare, prodotto dalle uve coltivate nei terreni confiscati alla mafia dalla Cooperativa sociale “Lavoro e non solo” di Corleone.

Disponibile

Descrizione prodotto

Calamu
mosto di uve fresche mutizzato con alcole, prodotto con uve Grillo provenienti da terreni confiscati alla mafia.

bevanda spiritosa

ingredienti uva, alcole
zona di coltivazione Sicilia
produzione ottobre 2015
formato 50 cl
alc. 16% vol

La vendita degli alcolici è riservata ai soli acquirenti maggiorenni – a norma della Legge 8 novembre 2012, n. 189

Informazioni aggiuntive

Peso 930 g

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Calamu – mosto di uve mutizzato (50 cl)”